fbpx
Il Cortiglio | Rocca Normanna

Servizio clienti (Tel. & WhatsApp):
+39 0825 188 54 31
Attivo 7 giorni su 7
dalle ore 10:00 alle ore 18:00

Dove si versa il vino? Una piccolissima guida sul calice

28 Aprile 2022

Piccola guida sul bicchiere da vino o, meglio, sul calice. Perché si utilizzano bicchieri specifici? Perché esistono calici diversi? Quali sono le caratteristiche? Scopritelo insieme a noi continuando la lettura. 

Il calice consente di apprezzare nel migliore dei modi un vino: questo è un dato di fatto. Ma perché? Sicuramente la risposta risiede nella composizione del calice da vino o, meglio, dei calici. 

Il materiale

Di fondamentale importanza è il materiale del calice. Solitamente si utilizzano i calici in cristallo perché vi è una presenza maggiore di ossido di piombo che aumenta la densità del materiale, migliorandone le proprietà ottiche. In questo modo, aumenta l’indice di rifrazione ed è possibile una migliore visibilità dei riflessi del vino attraversato dalla luce. 

La trasparenza

Ovviamente il calice da vino deve essere di ottima trasparenza, per permettere di valutare il colore e le sfumature del vino.

Forma

Il calice ha una forma definita a tulipano chiuso, con uno stelo che lo sorregge e un piede. Lo stelo, in particolare, ha una duplice funzione: da un lato permette di tenere la mano lontano dalla pancia del bicchiere così da non modificare la temperatura del vino (diversamente si riscalderebbe); dall’altro, evita eventuali contaminazioni derivanti dalla mano come l’utilizzo di profumi. 

La pancia del bicchiere è definita bevante e varia in base alle caratteristiche organolettiche del vino. Questa parte si presenta più larga nella parte inferiore e con un’imboccatura più stretta in alto, in modo da far confluire verso il naso i profumi caratteristici del vino, che si liberano nella parte più panciuta del bicchiere.

Perché esistono bicchieri da vino diversi

Perché è importante trovare il giusto bicchiere per ogni vino? Semplice, ogni vino ha le sue caratteristiche. La regola generale è che più aumentano la struttura, la complessità, l’intensità delle sensazioni olfattive e gusto-olfattive espresse da un vino, più crescerà l’ampiezza del calice. 

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo sui tuoi social e non dimenticare di seguirci su Facebook

Contattaci su Whatsapp